Sono d'accordo con Termini e Condizioni e Ho letto e accetto la Privacy Policy.

Richiedi qui un appuntamento

Esperta di: Disturbi d’Ansia, Depressione, Attacchi di Panico, Difficoltà Interpersonali, Disturbi Alimentari, Disturbi della Personalità, Problemi di Autostima, Crescita Personale.

Tel:
347 501 5063

Email:

graziaespositomalara@gmail.com

Se non vuoi più abbuffarti fai attenzione a questi tre elementi

9 mesi ago · · 0 comments

Se non vuoi più abbuffarti fai attenzione a questi tre elementi

Cosa si intende da un punto di vista clinico per abbuffata?

Un’abbuffata non è semplicemente mangiare un po’ troppo, non è esagerare con il dolce durante una festa, o con l’arrosto quando si è invitati a pranzo dalla suocera. Un’abbuffata ha alcune caratteristiche precise e, da un punto di vista clinico, corrisponde a

un’assunzione in un discreto periodo di tempo di un quantità di cibo discretamente maggiore rispetto a quanto le persone mangerebbero nel medesimo lasso di tempo e in circostante simili

Ciò è accompagnato da:

  • Sensazione di PERDITA DI CONTROLLO
  • Marcato DISAGIO
  • Caratteristiche associate:
    -Mangiare molto più velocemente del normale
    -Mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni
    -Mangiare molto anche se non si ha fame
    -Mangiare soli per l’imbarazzo
    -Sentirsi in colpa, disgustati da se stessi, depressi dopo averlo fatto

 

I FATTORI CHE CONCORRONO A MANTENERE IL PROBLEMA

Capita a tutti di mangiare troppo qualche volta, ma se il problema persiste o provoca forte disagio è opportuno non sottovalutarlo e comprendere quali elementi rendono più probabile cadere in un’abbuffata.

I principali sono tre:

1)EVENTI E EMOZIONI AD ESSI ASSOCIATE
2)ECCESSIVA IMPORTANZA ATTRIBUITA AL PESO E ALLE FORME DEL CORPO
3)DIETA FERREA

Dei rischi associati alle diete restrittive, soprattutto fai da te, ho già parlato qui.

Un  importante fattore di mantenimento è legato alla gestione delle emozioni. Spesso le persone che esagerano con il cibo sono molto sensibili a giudizi,  commenti, eventi che accadono loro e hanno perciò la necessità di modulare le emozioni che provano in conseguenza ad essi.

Il cibo funziona perché riesce a calmare, distrarre e gratificare (anche se per brevissimo tempo).

 

Altro importantissimo fattore è l’IMPORTANZA ATTRIBUITA ALLA FORMA E ALLA CAPACITA’ DI SEDUIRE UN REGIME ALIMENTARE “SANO”.

Nota bene, non si tratta di «semplice» insoddisfazione corporea.
Si tratta di GIUDICARE IL PROPRIO VALORE, ECCESSIVAMENTE O ESCLUSIVAMENTE, nei termini del CONTROLLO DEL PESO E DELLA FORMA DEL CORPO.

 

Come vedi da questo schema, chi attribuisce un’importanza moderata alla propria forma fisica, ha molti altri interessi, e non lega il proprio valore personale a quanto e cosa mangia o al proprio peso. Esso è solo uno dei tanti elementi che concorrono nella valutazione di sé.

Chi invece attribuisce a peso e forma fisica un valore eccessivo, tende a giudicare se stesso sulla base di un solo dominio di vita e questo è molto pericoloso.

Se tutto ruota alla forma basta un minimo errore, un minimo fallimento, un minimo sgarro per far crollare l’autostima.

L’eccessiva valutazione del peso e della forma contribuisce a mantenere gli episodi di bulimia attraverso due meccanismi:

-Genera EMOZIONI NEGATIVE che vengono mitigate con il cibo

-Spinge la persona a SEGUIRE UNA DIETA FERREA il che contribuisce a rendere più probabili le ricadute.

 

Se questo capita anche a te, se vuoi riflettere su come e perché continui ad abbuffarti, contattami.

 

Possono interessarti anche

http://www.espositomalaragrazia.it/2018/12/11/perche-mangiamo-troppo/

http://www.espositomalaragrazia.it/2018/12/06/perche-la-meditazione-puo-essere-un-aiuto-nei-problemi-alimentari/

PERCHE’ MANGIAMO TROPPO?

9 mesi ago · · 0 comments

PERCHE’ MANGIAMO TROPPO?

 

  • Perché mangio troppo?
  • Perché di fronte a un dolce, nonostante abbia già mangiato a sufficienza, non riesco a resistere?
  • Perché pur volendo essere in forma per l’estate esagero?

 

Spesso (non solo in campo alimentare!) facciamo delle scelte errate se non addirittura autodistruttive soprattutto quando queste coinvolgono il nostro futuro. Spesso non ci preoccupiamo di cosa accadrà, di come saremo tra dieci anni e addentiamo quel pasticcino, facciamo quella spesa inutile, accendiamo quella sigaretta.

Se, come ci piace credere, il nostro cervello fosse sempre razionale non succederebbe nulla di tutto questo

Invece, in situazioni come queste, si crea un conflitto tra il nostro cervello consapevole e razionale e  il nostro cervello intuitivo e inconscio.

Quest’ultimo non possiede certamente il concetto di futuro, ci spinge verso la soddisfazione del nostro desiderio. Vuole il dolcetto e lo vuole subito!

CERVELLO RAZIONALE E CERVELLO EMOTIVO

Detto in maniera estremamente semplificata l’architettura del cervello umano presuppone la condizione in cui i le emozioni possono anche sopraffare la razionalità.

Secondo Paul MacLean il cervello umano è il risultato della organizzazione gerarchica di tre strutture nate in momenti diversi dell’evoluzione.

La prima (il cervello rettiliano) che controlla il comportamento automatico ed istintivo.

La seconda (il cervello paleomammifero), – sistema limbico– che controlla l’espressione delle emozioni, l’aggressività e il comportamento sessuale.

La terza e più evoluta, che corrispondente alla neocorteccia,  presiede al pensiero propriamente razionale e alla capacità di risoluzione dei problemi.

Quest’ultima vuole proteggerci dagli eccessi, tenerci a lungo in salute, evitarci obesità, debiti, problemi di salute…eppure non sempre ha la meglio!

CHI VINCE NEL CONFLITTO RAZIONALE/EMOTIVO?

Questo dipende in ampia misura da un tratto di personalità chiamato SVALUTAZIONE DEL RITARDO. Questo pare evidenziarsi già dalla più tenera età.

Verso la fine degli anni 60 è stato condotto un importantissimo test presso l’università di Stanford su un ampio gruppo di bambini: il test del marshmallow, o test della gratificazione differita, che valutava la capacità di resistere a una tentazione per riceverne una più grande in un secondo momento.

Ogni bambino tra i tre e i sei anni, doveva resistere per 15 minuti con la caramella davanti per poterne avere poi una seconda.

Ciò che si evidenziò è che il risultato del test era in grado di predire il comportamento futuro dei bambini in termini di successo in vari ambiti di vita. Quelli che erano stati in grado di ritardare la gratificazione,  tendevano ad avere migliori risultati ai test di ammissione all’università, un maggior grado di istruzione e in generale una maggior qualità di vita.

Saper ritardare una gratificazione, sapersi automotivare all’attesa, sapersi proiettare nel futuro sono perciò qualità molto importanti!

CHE FARE?

Per tornare al nostro problema di resistere all’impulso di un altro dolcetto..come possiamo fare?

Una risposta ci viene data da alcune ricerche del gruppo di Leonard Epstein, che invita a dare una spinta al cervello razionale attraverso un esercizio chiamato pensiero episodico futuro

Quando dobbiamo prendere una decisione immaginiamo noi stessi in una scena positiva del futuro, come un compleanno, una festa, una vacanza al mare. Rendiamo vivida e accattivante il più possibile l’immagine nella nostra mente e aspettiamo qualche minuto.

Pare che questa tecnica sia in grado di attivare le regioni della corteccia prefrontale che processano concetti astratti come quello di futuro e perciò di ridurre l’assunzione di alimenti ricchi di calorie o dannosi per il nostro organismo.

 

Dott.ssa Esposito Malara Grazia

Psicologa e Psicoterapeuta  a Brescia

 

 

Identifica i trigger delle tue abbuffate

10 mesi ago · · 0 comments

Identifica i trigger delle tue abbuffate

Un trigger è una situazione, emozione, evento, comportamento capace di innescare un’abbuffata o un attacco di fame nervosa.
Ognuno di noi ha i suoi trigger (puoi richiedere qui la scheda di valutazione per conoscere i tuoi) e divenirne consapevoli è già un primo e importante passo per togliere loro questo potere.

Ma cosa  ci sta dietro? Spesso comuni ERRORI DI PENSIERO

Vediamone alcuni:

PENSIERO TUTTO O NULLA

“O sto a dieta, oppure non ci sto”
“O mi controllo, o mi lascio andare”

PREDISPOSIZIONE NEGATIVA

“Se non ci sono riuscita fino ad ora, non ci riuscirò più”
“Ormai..”

RAGIONAMENTO EMOTIVO

“Devo mangiare qualcosa per calmarmi”
“Mi merito un dolcetto adesso”

PENSIERO ESAGERATO

“Questa situazione per me è insopportabile”
“Non posso resistere se mi mettono davanti un piatto di ragù”

REGOLE IMPRODUTTIVE

“Già che l’ho preparato devo assaggiarlo”
“Se mia figlia non lo finisce devo farlo io”

 

Ti riconosci in qualcuno di questi errori di pensiero? Vuoi sapere come affrontarli?

Richiedi qui la scheda di monitoraggio dei tuoi trigger!

Se vuoi saperne di più sui miei corsi di MINDFUL EATING o sul percorso di COACHING INDIVIDUALE contattami tramite il sito, la pagina Istagram o tramite la mail graziaespositomalara@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

PERCHE’ STARE A DIETA PUO’ FARTI INGRASSARE

10 mesi ago · · 0 comments

PERCHE’ STARE A DIETA PUO’ FARTI INGRASSARE

 

 

Se vuoi dimagrire, stai attento a quanto e come stai a dieta!

 

Chi soffre di fame nervosa sa che ci sono eventi, stati d’animo, situazioni, persone, momenti della giornata in cui più facilmente cade nel mangiare troppo o in modo incontrollato.
Queste condizioni vengono chiamate “trigger”, ovvero “grilletto”, poiché sono in grado di innescare un meccanismo di condizionamento a mangiare senza alcuna forma di controllo.
Quello che pochi sanno è che

anche lo stesso stare a dieta, paradossalmente, può portare a mangiare troppo in alcune situazioni e a vanificare in pochi minuti anche enormi sforzi

 

Perché accade?

Chi ritiene di dover perdere peso, a torto o a ragione, generalmente inizia a privarsi o limitare notevolmente il consumo di alcuni cibi. Anche senza esserne pienamente consapevole inizia a stendere mentalmente una propria lista di ALIMENTI CONSENTITI E ALIMENTI VIETATI.

Tra gli alimenti consentiti vi sono le carni magre, frutta, verdura, yogurt..
Tra gli alimenti vietati dolci, grassi, pasta, pane..

 

Chiaramente mantenere costantemente il controllo è impossibile, perciò qualche volta capiterà anche ai più diligenti della dieta di mettere in bocca qualche patatina durante un aperitivo o assaggiare un dolcetto a una festa di compleanno. O semplicemente di concedersi un biscotto a merenda…

Ecco, una volta che una persona con una “dipendenza da cibo” consuma un alimento che rientra nella categoria degli ALIMENTI VIETATI (trigger alimentari) facilmente finirà con l’abbuffarsi in maniera incontrollata, consumandone molto di più di quanto ne aveva realmente desiderio e magari consumando anche altri cibi.

E’ quasi superfluo sottolineare che dopo l’abbuffata proverà un forte senso di vergogna, rabbia, disgusto verso se stessa e questi stessi sentimenti potranno fare da terreno fertile per la prossima abbuffata.

Cosa fare allora?

Quello che consiglio sempre alle persone che sono in lotta con la loro fisicità e desiderano, anche ragionevolmente, perdere peso, è di farsi aiutare sempre da un professionista e di fare molta attenzione alle diete fai da te e alle privazioni tout court.

E’ molto meglio imparare a MANGIARE CONSAPEVOLMENTE, in maniera rispettosa dei propri bisogni e finalizzata a trovare un equilibrio a lungo termine, non a privarsi inutilmente di gusto e piacere.

La Mindful Eating punta a portare attenzione a COME E PERCHE’ MANGIAMO, a gestire i FATTORI EMOTIVI e SOCIALI che ci condizionano, a lavorare per una maggiore AUTOACCETTAZIONE e GESTIONE DELLO STRESS CHE PORTA A MANGIARE TROPPO.

Lo fa attraverso esercizi mirati e pratici e un lavoro di riflessione personale della durata di NOVE INCONTRI.

 

Se vuoi saperne di più sui miei corsi di MINDFUL EATING e sul COACHING contattami qui o tramite la mail graziaespositomalara@gmail.com

 


©2017-2018 Grazia Esposito Malara - P.IVA 03462220983 - Tutti i diritti riservati - Copyright Policy - Cookie Policy - Privacy Policy - Credit by WEBSOLUTIONS