Sono d'accordo con Termini e Condizioni e Ho letto e accetto la Privacy Policy.

Richiedi qui un appuntamento

Esperta di: Disturbi d’Ansia, Depressione, Attacchi di Panico, Difficoltà Interpersonali, Disturbi Alimentari, Disturbi della Personalità, Problemi di Autostima, Crescita Personale.

Tel:
347 501 5063

Email:

graziaespositomalara@gmail.com

I diversi tipi di fame

4 mesi ago · · 0 comments

I diversi tipi di fame

La mindful eating distingue diversi tipi di fame e invita a cercare di riconoscerli ed essere consapevoli di come essi influenzano il nostro rapporto con il cibo. Ci invita inoltre ad appagare tutti i nostri sensi.

La fame degli occhi

Appaga il bisogno di bellezza, è quella che si fa sedurre dai cibi colorati, ben presentati e impiattati
Provate a immaginare quante volte avete sentito l’acquolina in bocca solo per aver visto delle immagini in televisione o in una vetrina e quante volte solo per come questi piatti venivano presentati avete fatto la vostra scelta tra più pietanze.
Nel momento in cui ci facciamo distrarre da altre attività tipo l’utilizzo del cellulare, il computer, la TV questa fame non viene nutrita e quindi rimane un senso di insoddisfazione e inappagamento

Prendiamoci perciò il giusto tempo per osservare ciò che stiamo mangiando al fine di dare nutrimento anche al nostro bisogno di bellezza. Apparecchiamo il tavolo e curiamo l’aspetto delle nostre pietanze anche quando siamo soli.

La fame del naso


Grazie ai recettori presenti nell’epitelio olfattivo siamo in grado di distinguere innumerevoli odori e ciò ci consente di valutare quali alimenti sono appetibili per noi quali non lo sono e quali addirittura potrebbero essere pericolosi perché avariati.
Non sempre il gusto e l’olfatto vanno d’accordo nonostante siano strettamente correlati (è il caso di alcuni formaggi, pesci, del tartufo..)
I neuroni olfattivi sono collegati al sistema limbico dove si trova il centro della memoria e della regolazione dei ricordi; è per questo che un profumo è in grado di evocarci memorie lontane.

Fermiamoci quando ci sediamo a tavola e proviamo a chiudere gli occhi e di provando a percepire ciò che l’odore degli alimenti che abbiamo davanti ci trasmette. Quali immagini e ricordi attivano?

La fame delle orecchie


Vi sono suoni e rumori che predispongono mentalmente all’idea del cibo e che ci invogliano a mangiare. Pensiamo al rumore prodotto dalla croccantezza delle patatine o prima ancora all’apertura del loro sacchetto. Ci sono aziende alimentari che hanno proprio studiato di riprodurre quel tipo di suono per andare ad attivare mentalmente l’idea della patatina. Per verificare quanto importante è questo aspetto per la loro appetibilità provate a farvene sciogliere una in bocca oppure a bagnarla leggermente…è ancora così buona?

La fame del tatto

Sfiorare delicatamente con la punta delle dita la superficie di un cibo, toccarlo, portarlo vicino alle labbra e poi esplorarlo con la lingua e con i denti  prima di ingerirlo ci aiuta a trasformare la nostra esperienza alimentare in una momento di maggior godimento della bocca

Fame del gusto

Quando introduciamo un alimento nella bocca grazie alla presenza di recettori gustativi riusciamo a sentire il sapore dei cibi e decidere se ci piace oppure no.
La sensibilità ai diversi gusti e la capacità di riconoscerli variano a seconda dei condizionamenti sociali, dell’educazione che abbiamo ricevuto, della nostra età, delle nostre condizioni di salute e delle nostre abitudini. Chi fuma ad esempio ha spesso la necessità di salare maggiormente gli alimenti e di gusti più forti. Se mangiamo troppo in fretta non sentiamo pienamente i sapori quindi la fame della bocca si attiverà durante la giornata per andare alla ricerca altro cibo .
La mindful eating consiglia perciò di prendersi il tempo di masticare lentamente, tenere il cibo in bocca per riuscire a coglierne appieno il sapore e le varie sfumature

Ciò appaga pienamente la fame del gusto e spezza così bisogno compulsivo di masticare

Fame dello stomaco

Lo stomaco percepisce le sensazioni di pieno, vuoto ed invia al cervello stimoli di fame e sazietà. Spesso capita però che vengano scambiate per fame emozioni quali ansia, nervosismo.
Ciò può trasformare il nostro stomaco in un sacco senza fondo.
E’ una buona abitudine mangiare solo dopo essere diventati consapevoli delle sensazioni fisiche, quindi valutare prima di mettersi a tavola il proprio senso di fame su una scala da 1 a 10 e a metà pasto rivalutare nuovamente questi segnali al fine di non mangiare in eccesso.

E soprattutto non mangiare quando il problema non è la fame fisiologica ma è un’emozione che dobbiamo gestire in un altro modo.

Fame cellulare

Secondo la Bays si tratta della fame più affidabile ma anche più difficile da riconoscere una volta divenuti adulti a causa dei condizionamenti sociali ed educativi che abbiamo ricevuto
E’ possibile divenire nuovamente consapevoli di ciò di cui il nostro corpo ha bisogno per nutrirsi adeguatamente con uno sforzo di autoascolto. La fame cellulare si sente meglio quando si è a digiuno perché l’organismo essendo diciamo “pulito” invia stimoli più chiari da poter cogliere
E pertanto un ascolto attento in quei momenti ci aiuta a ristabilire il contatto con questa consapevolezza innata che è andata perdendosi nel tempo

 

Fame della mente

La nostra società ci ha reso di mangiatori ansiosi costantemente influenzati dalle mode alimentari, dalle diete dell’ultimo momento, dai guru, dai dati allarmistici inerenti l’alimentazione
La mente è davvero difficile da soddisfare, è giustamente curiosa e in cerca di nuove informazioni su cui focalizzarsi, ha bisogno di capire ed anche di avere dei dati coerenti tra di loro. Purtroppo spesso sentiamo tutto e il contrario di tutto e dobbiamo in qualche modo trovare un nostro equilibrio..non solo in campo alimentare. Il primo consiglio della Mindful Eating è quello di lasciar scorrere sullo sfondo questi pensieri e di concentrarsi sull’esperienza alimentare per riuscire a vivere appieno le sensazioni e gli appagamenti che da essa derivano. Inoltre la Mindful Eating ci invita a sforzarci di andare al di là di alcuni stereotipi, mode..per approfondire, studiare, sperimentare gli alimenti che davvero fanno bene o male a noi senza prendere come oro colato il parere del guru del momento ma facendo uno sforzo di pazienza e consapevolezza e affidandoci a noi stessi.

A questi tipi di fame si aggiunge quella emotiva di cui parlo qui e qui.

Se vuoi saperne di più sui percorsi di consapevolezza alimentare visita la pagina http://www.espositomalaragrazia.it/percorsi-di-mindful-eating/

 

Tags: , , , , Categories: psicoalimentazione

Lascia un commento


©2017-2018 Grazia Esposito Malara - P.IVA 03462220983 - Tutti i diritti riservati - Copyright Policy - Cookie Policy - Privacy Policy - Credit by WEBSOLUTIONS